La colorata eleganza degli “anelli cocktail”

Gli anelli cocktail si distinguono per le dimensioni considerevoli, la grande pietra centrale dai colori spesso vivaci e la montatura voluminosa. Queste creazioni, comparse per la prima volta negli anni Venti, prendono il nome dalle cene di gala e dai cocktail party durante i quali risplendevano alle dita delle donne dell’alta società. Affascinanti e suggestivi, grazie alla capacità di riflettere la luce, hanno trasformato un gesto semplice come tenere in mano un bicchiere in una ricercata espressione di raffinatezza.

Negli anni Sessanta, gli anelli cocktail diventano accessori irrinunciabili delle eleganti invitate agli eventi sociali più prestigiosi. In un connubio di materiali diversi e design audaci, appaiono così come il simbolo dello spirito estetico di un’epoca.

  • Disegno di un anello Cocktail, 1969 circa, Archivi Van Cleef & Arpels, Van Cleef & Arpels.

    Disegno di un anello Cocktail, 1969 circa