Fortuna

Storia della collezione Alhambra 

Valore caro a Van Cleef & Arpels, la fortuna è da sempre un punto di riferimento per la Maison e, nel tempo, ne ha ispirato le creazioni più emblematiche. I primi motivi a quadrifoglio presenti negli archivi della Maison risalgono agli anni Venti e ornano numerosi esemplari realizzati nel corso degli anni, accanto ad altri simboli portafortuna come i talismani di legno, i charm e le fate benevole. Jacques Arpels, nipote dei fondatori di Van Cleef & Arpels e appassionato collezionista, aveva l’abitudine di raccogliere quadrifogli in giardino e regalarli ai suoi dipendenti come portafortuna.

  • Scheda prodotto di un pendente Clover, 1948, Archivi Van Cleef & Arpels

    Scheda prodotto di un pendente Clover, 1948. Archivi Van Cleef & Arpels

“Per avere fortuna, bisogna credere nella fortuna” amava ripetere Jacques Arpels.

Nel 1968 la Maison crea il primo sautoir Alhambra®, composto di 20 motivi a forma di quadrifoglio in oro giallo froissé con finiture in perle d’oro. Il design dal valore simbolico ottiene subito un grande successo e viene riconosciuto in tutto il mondo come oggetto portafortuna, nonché come emblema di Van Cleef & Arpels.

Autentica firma della Maison, la linea Alhambra® si reinventa sensibilmente nel corso dei decenni, fino ad arrivare alla collezione attuale, ricca di materiali, colori e simboli diversi.

  • Catalogo Van Cleef & Arpels, 1973, Archivi Van Cleef & Arpels

    Catalogo Van Cleef & Arpels, 1973, Archivi Van Cleef & Arpels