Pietre

La selezione dei diamanti: un esempio dell’eccellenza della Maison

Il Gemmological Institute of America (GIA), un’istituzione riconosciuta a livello internazionale, ha definito una serie di standard per la certificazione dei diamanti, noti come le 4 C: Colore – Purezza (Clarity) – Taglio (Cut) – Carati. Questi criteri determinano la qualità e il valore delle pietre. Fedele alla tradizione di eccellenza di Van Cleef & Arpels, la Maison applica un processo di selezione a due livelli nella scelta dei diamanti. Tutte le pietre preselezionate soddisfano le 4 C riconosciute a livello internazionale.

Questa fase, che consiste in una valutazione oggettiva della qualità, viene effettuata insieme a un esame visivo approfondito da parte degli esperti gemmologi di Van Cleef & Arpels. Nella loro valutazione dei diamanti, questi ultimi trascendono i criteri strettamente scientifici nel rispetto di ulteriori rigorosi standard distintivi della Maison e del gusto individuale, e improntati sulla bellezza e sul carattere della pietra: quella qualità spirituale che fa risaltare una determinata gemma tra le altre. Van Cleef & Arpels è una delle poche Maison a offrire diamanti di una qualità così elevata, sia per le pietre centrali che per le pietre pavé.


Colore

Più il diamante è bianco, più è raro. Van Cleef & Arpels seleziona esclusivamente pietre delle più pregiate gradazioni di colore: D (incolore +), E (incolore) e F (extra bianco +), in una scala da D a Z. Per i diamanti centrali, la Maison utilizza solo pietre di categoria D ed E.

  • Gradazioni di colore, Le 5C, Van Cleef & Arpels

Purezza
La purezza si riferisce al numero, alla dimensione, alla natura e alla posizione delle inclusioni (imperfezioni interne ed esterne) della pietra. Un diamante è considerato puro se, qualora sottoposto a un ingrandimento di 10 volte, non mostra nessun difetto. Gli esperti gemmologi di Van Cleef & Arpels selezionano solo i diamanti più puri, quelli delle categorie che vanno da FL (Flawless) a VVS2 (Very Very Slightly included).

  • Scala purezza, Le 5C, Van Cleef & Arpels

Carati
Il peso di un diamante è espresso utilizzando un’unità di misura standard internazionale: il carato. Un carato equivale a 0,20 grammi. Per le sue pietre centrali, la Maison seleziona diamanti di almeno 0,30 carati.

  • Tabella carati, Le 5C, Van Cleef & Arpels

Taglio
Il taglio di un diamante fa riferimento alla forma, alle proporzioni e alle sfaccettature. Tra le numerose forme di diamante esistenti, le più note sono il taglio brillante, ovale, marquise, a goccia, a cuore, smeraldo, princess e cuscino. Tutti i tagli sono accuratamente studiati per esaltare la brillantezza della pietra e per accentuare i giochi di luce sulle sfaccettature. Vengono selezionati solo tagli “eccellenti” e “molto buoni”. L’obiettivo degli esperti della Maison è quello di esaltare lo scintillio e il fuoco del diamante concentrandosi sulla simmetria, la qualità della brillantezza e le finiture del taglio.

  • Tabella forme, Le 5C, Van Cleef & Arpels

Carattere
Oltre a questi criteri, Van Cleef & Arpels applica uno standard tradizionale della Maison: Pierres de Caractère. Avvalendosi di un’esperienza secolare nel campo dell’Alta Gioielleria, la Maison cerca i diamanti più belli, ma anche una qualità spirituale delle pietre, quell’unicità che fa battere il cuore. Gli esperti gemmologi valutano l’eleganza della forma, il fuoco interno della pietra e la qualità della cristallizzazione, che le conferisce una particolare brillantezza. Analizzando la pietra ripetutamente e da ogni angolazione, riescono a cogliere il tipo di emozione che essa può suscitare.

  • Tabella tagli, Le 5C, Van Cleef & Arpels